Free Mobile (gruppo iliad) annuncia le prime offerte in 5G e in Italia?

In Francia Free Mobile del gruppo iliad ha lanciato le sue primissime offerte su rete 5G e come ormai piena tradizione dell’operatore, vi é sin da subito un abbattimento dei costi notevole rispetto alla concorrenza.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Infatti se gli operatori concorrenti francesi come Orange, Bouygues Telecom i costi si aggirano mediamente su oltre 60 euro al mese con offerte tutto incluso e un impegno minimo di 12 mesi per i clienti, le prime offerte Free Mobile sono al pari delle medesime già lanciati con il 4G, ci aggiriamo intorno ai 19,99 euro al mese. Inoltre non vi é alcun impegno minimo per i clienti che possono quindi cambiare in totale tranquillità quando vogliono.

Una vera e proprio bomba che siamo certi anche iliad in Italia lancerà molto presto, una nuova grande rivoluzione come ormai ci ha abituati il quarto operatore mobile italiano con un abbattimento notevole dei costi, un tutto incluso e costi trasparenti, semplici e certi.

free Mobile (gruppo iliad) 5G

L’offerta di Free mobile si compone infatti di ben 150 giga mensili in 5G. Per fare un confronto, un piano 5G con 150 GB costa 64,99 euro al mese con Orange (promozioni escluse e con impegno di 12 mesi), 65 euro al mese su SFR (escluse promozioni e con impegno di 12 mesi) e 69,99 euro al mese con Bouygues Telecom (escluse promozioni e con un impegno di 24 mesi). Da notare che quest’ultimo operatore propone anche, tramite la sua offerta B&B, un pacchetto 5G da 130 GB, senza impegno, a 24,99 euro al mese.

Ma bisogna però considerare anche il fattore antenne e spettro d’azione del 5G, mentre i costi di Free sono molto inferiori a quelli degli altri operatori, le infrastrutture tecniche richieste sono diverse. 

Infatti Orange, Bouygues Telecom e SFR si basano principalmente su antenne a 3,5 GHz non utilizzate per il 4G, che forniscono velocità molto più elevate.

Da parte sua, Free si affida a frequenze già utilizzate per il 4G (700 MHz) nella stragrande maggioranza dei casi, con portata migliore ma a velocità più modeste. In totale, come ci ricorda 01net.com, 220 siti Free trasmettono su frequenze a 3,5 GHz, su un totale di 5.255 siti attivi.

Insomma promette molto bene e come sempre forse sarà da considerare la portata della copertura in 5G a fronte magari di una velocità un pò ridotta ma sicuramente a costi molto più bassi e niente vincoli.

Per quanto riguarda invece l’Italia, di recente l’ad di iliad Benedetto Levi ha precisato che in una fase iniziale il 5G servirà più da supporto ulteriore di antenne in 4G e 4G+ che di una vera e propria velocità super sonica come quella promessa dalla quinta generazione non ancora pienamente a regime.

Attendiamo come sempre curiosi e fiduciosi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.