Pubblicità ingannevole Very Mobile, multa antitrust e le nuove offerte: i 7 giorni WindTre

Dopo i 7 giorni di iliad, oggi vogliamo invece farvi una veloce carrellata delle novità settimanale che hanno riguardato e coinvolto il mondo WindTre a cominciare dai problemi riscontrati da Very Mobile, il b-brand di WindTre anche con il Giurì per lo spot pubblicitario alle novità sulla fibra e le offerte di ottobre.

WindTre ultime novità

La super fibra di WindTre prosegue il suo viaggio di espansione sul territorio italiano grazie alla rete realizzata in collaborazione con Open Fiber.

WindTre estende i servizi in fibra ultrabroadband in Liguria e porta la rete fino ad 1 Gigabit di Open Fiber a Savona, la città della storica Torretta Pancaldo.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Il b-brand di WindTre ovvero Very Mobile in questi ultimi giorni ha riscontrato diversi problemi sia dal punto di vista dei disservizi tecnici registrati sulla rete e sia per quanto riguarda lo spot commerciale che ha girato nei giorni scorsi sulle reti nazionali.

IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria), ha ordinato a WindTre di cessare la pubblicità dell’offerta Very 7,99 di Very Mobile.

La comunicazione commerciale per il Giurì risulta ingannevole:

Il Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, dichiara che il messaggio esaminato è in contrasto con l’art. 2 del Codice di Autodisciplina e ne ordina la cessazione.

Lo spot infatti pubblicizza l’offerta al costo di 7,99 euro al mese ma non specifica che si tratta del costo riferito ai clienti che attivano un nuovo numero, infatti per chi proviene da altri operatori il costo é differente.

Per chi proviene da iliad per esempio il costo scende a 6,99 euro al mese mentre per chi dovesse provenire da TIM o Vodafone addirittura sale a 13,99 euro al mese.

WindTre Ookla

Rete WindTre premiata da Ookla

Un ottimo riconoscimento avuto dalla società Ookla per la rete WindTre ritenuta la più veloce e performante d’Italia in questo momento, attraverso l’analisi dei vari speed test offerti appunto da Ookla, uno dei principali provider di test di connessioni internet in rete, sia per il fisso che per il mobile.

Nei primi sei mesi dell’anno, Ookla ha confrontato i risultati di 7.307.941 test svolti dai clienti in Italia con le app mobili Speed test, per dispositivi iOS e Android, e ha calcolato lo ‘Speed Score’ di ogni operatore.

Rete WindTre premiata da Ookla

La rete di WindTre ha ottenuto la migliore prestazione in termini di velocità, con un valore medio pari a 44,43 Mbps in download e 13,15 Mbps in upload, totalizzando uno Speed Score combinato di 43,92, il più alto registrato in Italia.

Per conoscere ed effettuare gli speed test in maniera più dettagliata cliccate questo link.

Smart Security WindTre

Che cos’é Smart Security di WindTre?

Nei mesi scorsi WindTre ha lanciato il servizio Smart Security che comprende una sim card che possa controllare alcuni servizio di IoT (Internet of things), ad esempio poter controllare da remoto l’allarme di casa, oppure la caldaia cosi come il cancello automatico ed altre automazioni che nel prossimo futuro conosceranno uno sviluppo accelerato grazie al 5G.

L’offerta attuale per Smart Security prevede al costo unico di 24,90€/anno, ogni mese 500 MEGA, 50 Minuti e 250 SMS, senza costi di attivazione, sulla rete WindTre.

E’ possibile pagare una volta l’anno in modalità anticipata su credito residuo attivando il servizio di Ricarica Automatica.

Le nuove offerte MIA

Per questo mese di ottobre 2020, WindTre sta proponendo le offerte MIA 70 e MIA 50 su credito residuo ma solo per clienti selezionati: fino a 70 GIGA con canone a partire da 7,99€ al mese.

Discriminazione IBAN europeo

WindTre ha subito una sanzione da parte dell’Antitrust di 300.000 euro per aver portato avanti una pratica scorretta ovvero non attivare la domiciliazione bancaria nei confronti di IBAN esteri, per la precisione IBAN all’interno dell’Unione Europea.

WindTre ha invece rimosso questa limitazione, seppur con enorme ritardo, a partire dal 27 luglio 2020. In questo caso la sanzione è risultata inferiore: 300.000 euro mentre Vodafone insieme con TIM ha subito una sanzione molto più alta per la stessa motivazione.

Nella speranza che anche questa scorrettezza venga eliminata, al momento per Vodafone risulta ancora attiva.

Per concludere, in queste settimane i piani alti di WindTre si stanno pronunciando sul 5G in modo da spingere sulla sua implementazione ma anche sulla massima semplificazione possibile affinché la quinta generazione possa avvenire nei tempi più brevi possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.